Licata
Lo stabilimento

Nata nel 1986 ed operante nel settore dell’allevamento ittico italiano, “Azienda Ittica S. Giorgio S.r.l.” offre al mercato prodotti di elevata qualità. Dagli impianti della Sicilia e dell’Emilia, attraverso la logistica della sede di Roma, giungono al consumatore spigole, orate, cozze, ostriche e vongole. Attualmente l’azienda vanta due stabilimenti di produzione:

Goro (Fe) dove dal 1995 è svolta un’attività di allevamento mitili.

Licata (Ag), dove dal 1994 è operativo un impianto di acquacoltura in gabbie galleggianti per l’allevamento di specie ittiche pregiate: spigole (Dicentrarchus labrax) e orate (Sparus aurata).

La disponibilità delle imbarcazioni si concretizza in tre moto-pesca da 25 tonnellate, la Seahorse I e la Seahorse III, cui si aggiungono diverse imbarcazioni minori adibite alle operazioni di pesca nonché alla manutenzione delle strutture di allevamento.

L’allevamento attualmente consta 23 gabbie di cui 6 da 15 m di diametro e 17 da 22m di diametro.

La produzione è in una fase di crescita constante e passerà dalle 250 tonnellate (2014) alle circa 350 tonnellate (2016). L’impianto consta di strutture finalizzate alla fase del pre-ingrasso, dove il pesce viene portato da taglie di 2/4 grammi a taglie inferiori ai 100 grammi per essere poi trasferito a strutture destinate all’ingrasso – fase che può durare fino a 36-48 – durante la quale il pesce viene portato a taglia per essere immesso sul mercato.

La divisione del ciclo produttivo in queste due fasi permette un controllo ottimale e un monitoraggio costante degli avannotti nonché una flessibilità gestionale nello svuotamento delle gabbie di ingrasso. Il mangime utilizzato è di primissima qualità, nel rispetto delle attuali norme sanitarie vigenti, certificato OGM free (< 0.9%) e sottoposto a rigorosi controlli ed analisi. Il pesce viene alimentato manualmente fino a quattro volte al giorno seguendo specifiche tabelle alimentari al fine di ottenere un fattore di conversione ottimale riducendo al minimo gli sprechi anche nel rispetto dell’ambiente circostante.

L’azienda dispone di strutture logistiche proprie quali capannoni attrezzati per la conservazione del mangime, magazzini per il confezionamento e celle frigorifere.

L’attenzione al ciclo produttivo determina il modus operandi aziendale, caratterizzato da un approccio che prevede l’attuazione di rigidi controlli lungo tutti gli step della filiera al fine di garantire non soltanto un’elevata qualità del prodotto ma anche il rispetto dei requisiti di sostenibilità e la riduzione dell’impatto ambientale a tutela e conservazione dell’ecosistema.

La produzione viene dettagliatamente pianificata in base ad una programmazione che detta la tempistica e la previsione sui quantitativi e le taglie, consentendo alla direzione commerciale di organizzare le vendite e rispettare gli impegni contrattuali senza ritardi o inconvenienti. Il prodotto, una volta pescato, selezionato e confezionato dal personale preposto è pronto per la consegna, che copre tutto il territorio nazionale e avviene nelle 12 ore successive attraverso l’impiego di mezzi certificati e adeguati a garantirne la freschezza e la buona conservazione. Durante tutte le fasi di lavorazione si assicura che la catena del freddo non venga mai interrotta.

Località
ponza

Licata si estende su una superficie di circa 180kmq e confina a sud col Canale di Sicilia. L’ambiente che prevale è quello collinare ma ciò che la caratterizza è il suo litorale che regala una vista meravigliosa ed è bagnato da acque cristalline. L’economia licatese trae la maggior parte delle risorse, oltre che dall’agricoltura, dalla pesca che con la sua numerosa e moderna flotta peschereccia occupa circa 2.000 persone. Le qualità del pesce comunemente pescato sono: triglie, sogliole, merluzzi, seppie, varie specie di gamberi, platesse, spigole, saraghi, polipi e moltissimo pesce azzurro (sgombri, sardine, acciughe). Giornalmente da Licata provengono più di 130 quintali di pescato, soprattutto pregiato, che vengono smistati nei mercati del centro e del nord Italia. Recenti sono gli impianti di acquicoltura per l’allevamento e la produzione di branzini ed orate per la fornitura delle maggiori catene alimentari.

Tradizione culinaria

La tradizione culinaria siciliana, nello specifico agrigentina, è piuttosto articolata e piena di sfaccettature legate a tradizioni e festività. Le specialità agrigentine di maggiore rilievo hanno come ingrediente principale il pesce. Particolarmente ricercate sono la minestra di seppie, le polpette di sarde, le sogliole alla saccense, il dentice al forno o lo spaghetto allo scoglio. Piatti preparati con ricette arcaiche che nel tempo si sono evolute e hanno preso nomi più moderni.

Creazione Siti WebSiti Web Roma